RSS

Vittorio, il guardiano del pretorio…

27 Apr

Sapete i nomignoli e le rime insopportabili che venivano affibbiati da piccolini dai parenti??

Ecco, ognuno immagino abbia i suoi, per esempio: “Giovanna tutta panna”, “Sofia, che a tuchèla la s’infia (traduzione parmigiano – italiano: Sofia che a toccarla si gonfia)”, “Eugenio, molto Eu e poco genio”, e via dicendo…

Il mio era “Vittorio, il guardiano del Pretorio”. L’ho sempre odiato, sempre. Primo, perchè non faceva ridere, secondo perchè ogni volta mi chiedevo:“Ma cos’è sto cavolo di Pretorio???”.

Ora, alla veneranda età di 21 anni, una bella sera, mio papà, in preda al sonno mi dice:“OH Vittorio, il guardiano del pretorio….”, ed io, assetato di sapere gli chiedo:”Pa, ma cosa cavolo vuol dire sto pretorio???”, e lui:“Boh, guarda li su internet, che c’hai sempre il telefono in mano…”.

E fu così che scoprii quello che vi elenco qui sotto, una cosa che ha dato vita ad un mostro, che ha aumentato il mio innamoramento verso Roma, ma soprattutto, verso l’Antica Roma. Ora si spiega il mio simbolo, il centurione, il legionario, da oggi Guardia pretoriana.

Ed ecco che il famoso Pretorio, non mi suona più come insopportabile, ma ora mi piace più che mai!!!

Pretorio, Prefetto del Pretorio, era un comandante militare dell’Impero romano. Inizialmente era il comandante della Guardia pretoriana, ovvero della guardia del corpo dell’Imperatore, successivamente divenne l’amministratore di una delle suddivisioni del tardo impero, le prefetture del pretorio. Questa carica poteva essere ricoperta solo da membri dell’ordine equestre.

Vexilloid of the Roman Empire.svg

Il prefetto del pretorio era un comandante militare e rappresentava il corpo d’élite dell’esercito imperiale. Il corpo della Guardia Pretoriana (da non confondersi con i generici “pretoriani”, piccole unità di scorta delle varie autorità) era costituita da soldati scelti provenienti dalle legioni e essa fu un mezzo per affermare nuovi imperatori o mantenere i vecchi al potere. La storia dei pretoriani quindi segue, se non ne è l’artefice, la storia romana imperiale in tutti i suoi risvolti.

La durata del servizio era la prima importante differenza rispetto alle legioni e agli altri corpi militari. I pretoriani restavano in servizio solo 16 anni, invece, i legionari, restavano in servizio per 20-25 anni. I pretoriani, quindi, erano un corpo privilegiato e ambito. Il congedo avveniva ogni 2 anni, il 7 gennaio, e veniva conferita come somma di congedo una somma pari a 300.000 sesterzi (circa 300 volte maggiore quella di un normale legionario).

Come nelle legioni i pretoriani alloggiavano nell’accampamento dove si svolgevano le esercitazioni militari: la differenza stava nel fatto che i Castra Praetoria si trovavano non sul confine, esposti agli attacchi dei barbari, ma a Roma, il centro politico ed economico dell’Impero, dove i pretoriani potevano usufruire delle terme e dei giochi dell’anfiteatro.

Oltre all’ovvio servizio di protezione personale dell’imperatore e dei suoi protetti, la Guardia pretoriana era un corpo di soldati al totale servizio dell’imperatore e quindi impegnato in ogni cosa l’imperatore ritenesse utile per i suoi scopi. Testimonianze riportano pretoriani impegnati nel servizio di ordine ai giochi e nei teatri, nella riscossione delle tasse in aggiunta ai pubblicani, alla guardia delle statue che ritraggono gli imperatori, ma anche in compiti più umili come lo spegnimento degli incendi a supporto di Coorti Urbane e vigiles.

Armamento: gli elementi che sono attribuiti alla Guardia pretoriana sono molto scarsi. Durante il 99% del suo servizio (tranne sotto Traiano) il pretoriano era addetto a compiti civili, pertanto il suo abbigliamento doveva essere discreto. È attestato l’uso di una normale tunica bianca (candida) e di un sagum o di una paenula (grossi mantelli talvolta dotati anche di cappuccio) che bastavano a nascondere un’arma.

L’elmo era usato poche volte per lo più in caso di dimostrazioni o parate. Nelle raffigurazioni pervenute, l’elmo pretoriano è per lo più di tipo attico, un retaggio della tradizione bellica greca della antica Repubblica, oppure, nelle situazioni di guerra, un normale elmo, secondo le usanze del periodo, in dotazione anche ai legionari.

In guerra i pretoriani portavano un equipaggiamento simile a quello degli altri legionari, con il classico gladius (spada corta), e si distinguevano per l’utilizzo del simbolo dello scorpione, talvolta raffigurato su scudi e insegne.

ELMO:

Elmo pretoriano

GLADIUS:

File:Gladius in hand.jpg

SAGUM:

Non contento di tutto ciò, all’interno della mia ricerca sul famoso Pretorio, ecco un collegamento di Wikipedia (oltre a quello che vi ho scritto sopra) che indica:”Castro Pretorio”.

Cosa sarà il Castro Pretorio??

Il CASTRO PRETORIO è il nome del diciottesimo Rione di Roma, indicato con R. XVIII. Il nome deriva da Castra Praetoria, caserme dove risiedette la Guardia pretoriana in epoca romana. Lo stemma è il labaro della Guardia pretoriana in oro su sfondo rosso.

Vexilloid of the Roman Empire.svg

Il rione di Roma imperiale apparteneva alla VI Regione, Alta Sèmita, e questo era anche il nome della strada che attraversava la zona, corrispondente grossomodo all’attuale Via XX Settembre (altra, quasi, coincidenza per me). Oggi vi sorge la Caserma “Castro Pretorio” sede del Raggruppamento Logistico Centrale dell’Esercito Italiano. (essa può vantarsi di essere, attualmente, la Caserma più antica al mondo ancora presidiata da militari.).

IL RIONE OGGI:

CONFINI:

Mura aureliane fino al piazzale Sisto V con i quartieri Nomentano e Tiburtino; via Marsala-piazza dei Cinquecento-via Giolitti-via Gioberti-via e piazza Esquilino col rioneEsquilino; via A.Depretis con Monti; via delle Quattro Fontane-via XX Settembre fino a largo Santa Susanna conTrevi e via XX Settembre fino a Porta Pia conSallustiano.File:Rome - Muni 1 - Castro Pretorio.PNG

PIAZZE:

STRADE:

  • Via G. Amendola
  • Via V. Bachelet
  • Via P. Barbieri
  • Via Bezzecca
  • Via Calatafimi
  • Galleria F. Caracciolo
  • Via Castelfidardo
  • Via del Castro Pretorio
  • Viale Castro Pretorio
  • Via Cavour
  • Via Cernaia
  • Via Cesare Balbo
  • Via Curtatone
  • Via M. D’Azeglio
  • Viale E. De Nicola
  • Via A. Depretis
  • Viale L. Einaudi
  • Galleria Esedra
  • Via Esquilino
  • Via Farini
  • Via Firenze
  • Via Gaeta
  • Via Gioberti
  • Via Goito
  • Via del Macao
  • Via Magenta
  • Via D. Manin
  • Via Marghera
  • Via Marsala
  • Via Mentana
  • Via Milazzo
  • Via dei Mille
  • Via Modena
  • Via Montebello
  • Via Napoli
  • Via NazionaleFile:Roma - Castro Pretorio - Piazza della Repubblica.jpg
  • Via V. E. Orlando
  • Via Palestro
  • Via Parigi
  • Via Pastrengo
  • Viale Pretoriano
  • Via Principe Amedeo
  • Via delle Quattro Fontane
  • Via G. Romita
  • Via A. Rosmini
  • Via San Martino della Battaglia
  • Via Sapri
  • Via Solferino
  • Via Sommacampagna
  • Via delle Terme di Diocleziano
  • Via Torino
  • Via Urbana
  • Via Varese
  • Via XX SettembreFile:Castro Pretorio-Sallustiano - via XX settembre 051218-01.JPG
  • Via Vicenza
  • Via Villafranca
  • Via di Villa Montalto
  • Via del Viminale
  • Via Volturno
PORTE:

EDIFICI:

EDIFICI DI CULTO:
MUSEI:
ALTRI MONUMENTI:
Altra coincidenza: nel viaggio che abbiamo fatto io e la mia ragazza a Roma, alloggiavamo proprio in questo Rione, in via Principe Amedeo.
Stay with me!!!

VI|27

 
3 commenti

Pubblicato da su 27/04/2011 in Riflessioni, VI|27

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 risposte a “Vittorio, il guardiano del pretorio…

  1. Milly

    27/04/2011 at 10:01

    tu comunque mi fai preoccupare!! E non poco eh!! qualche giorno ti vedrò arrivare su una biga!!!

     
  2. Martina

    27/04/2011 at 12:38

    …manca il tavolino che vuoi comprare su ebay!

     
    • vitto27

      27/04/2011 at 12:40

      no no ma non lo voglio prendere…è solo bellissimo!!!

       

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: